Seven years in Tibet

Le memorie di Heinrich Harrer, sciatore e alpinista austriaco all’epoca del Reich, sono state spesso oggetto di discussione e, come è successo per tante cose che riguardano l’Oriente, si è fatta una gran confusione senza provare a capirci qualcosa leggendo oltre i pregiudizi. La storia è nota, grazie anche alla trasposizione cinematografica di Jean-Jacques Annaud. Si tratta della fuga di … Continua a leggere

Un’oasi di metropoli

Elena Torre, sul quotidiano Il Tirreno di mercoledì 17 ottobre 2007 racconta che, a una ventina di minuti dal centro di Londra, è nato il Bed Zed (per esteso Beddington Zero Energy Development, che significa zero impiego di idrocarburi). Si tratta di un quartiere basato su un locale sistema di produzione e riciclaggio di energia e materiali rinnovabili. La sua eco-compatibilità sarebbe allora … Continua a leggere

Bob Dylan cantautore o semplice poeta?

Nel 1965 un’inchiesta svolta nelle università americane in cui si chiedeva chi fosse il personaggio più notevole del momento vide ai primi tre posti John Kennedy, Fidel Castro e Bob Dylan e poco tempo dopo il “New York Times” in una pagina dedicata ai nuovi intellettuali americani uscì col titolo “Bob Dylan è l’erede di Faulkner e di Hemingway?”. Spesso … Continua a leggere

Karl Du Prel, gli aerei e le macerie

Ho tra le mani l’unica traduzione italiana, presente all’interno del nostro patrimonio librario, del volume Die philosophie der mystik di Karl Du Prel. Gastone De Boni (1908-1986), medico, nato a Padova, affascinato dalla ricerca psichica e dal paranormale, scriveva in epigrafe al volume: «in questo suo scritto il Du Prel esamina i fenomeni del sonno e del sogno, dimostrando che … Continua a leggere